Pagina 14

Gli insegnanti possono svolgere un ruolo molto importante nel processo di sviluppo delle competenze emotive. Il tutoraggio è uno spazio ideale per l’educazione emozionale, così come l’Educazione alla Cittadinanza (EpC). Va sottolineato che il tutoraggio e l’EpC si propongono entrambe di sviluppare praticamente le stesse competenze: quelle che rendono possibile la convivenza in pace e in democrazia e che sono quindi in grado di costruire il benessere personale e sociale.

L’educazione emozionale deve contare sulle madri e sui padri, dal momento che essi svolgono un ruolo essenziale nello sviluppo di queste competenze. La prima educazione emozionale che riceve il bambino proviene dai suoi genitori. Proprio per questo, un capitolo è dedicato a porre particolare enfasi sull’educazione emozionale in famiglia, con la presentazione di proposte da mettere in pratica. La scuola, attraverso lo “spazio famiglia”, un tempo chiamato scuola dei genitori, può fare un ottimo lavoro in questa direzione.

Gli autori di questo libro appartengono al GROP (Grup de Recerca en Orientació Psicopedagògica) delle Università di Barcellona e Lleida, che hanno iniziato la loro ricerca nel campo dell’educazione emozionale nel 1997. Questo gruppo basa il suo lavoro sulla teoria delle intelligenze multiple, l’intelligenza emotiva, i contributi delle neuroscienze, la psiconeuroimmunologia, le ricerche sul benessere soggettivo, il concetto di flusso, il counseling, etc. Anche se la psicologia positiva è nata solo nel 2000, quando l’educazione emozionale esisteva già da alcuni anni, i suoi contributi devono essere considerati come dei fondamenti importanti. In questo libro viene posta particolare enfasi alle emozioni positive e viene dedicato un intero capitolo alla psicologia positiva.

Ci auguriamo che questo libro contribuisca alla diffusione dell’educazione emozionale, sia nell’educazione formale che in famiglia. Diverse ricerche hanno dimostrato i suoi effetti positivi sulle relazioni interpersonali, sulla diminuzione dei conflitti, sul rendimento accademico e sul benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *