Pagina 13

Forse dei propri genitori, fratelli, familiari, amici, colleghi, persone stimate, etc. La tristezza è dunque inevitabile. Dal momento che queste perdite o il pericolo di subirle possono essere costanti, la tristezza potrebbe divenire permanente. È importante quindi imparare a regolare quest’emozione, soprattutto in situazioni in cui si prova un dolore profondo, per evitare di cadere nella depressione.

Le emozioni negative non possono essere evitate. Per questo motivo è importante imparare a gestirle in maniera appropriata. Le emozioni positive, invece, vanno ricercate. Eppure a volte non si riesce a trovarle. Quindi, magari, sarebbe meglio imparare a costruirle. L’educazione emozionale in generale, e questo lavoro in particolare, pone speciale enfasi sulle emozioni positive, che sono alla base del benessere soggettivo. Proporre il benessere emotivo come uno degli obiettivi dell’educazione crea un impatto significativo sull’educazione in generale. Una persona educata è una persona in grado di costruire il proprio benessere e di contribuire al benessere generale, in collaborazione con gli altri. Si può pertanto affermare che il benessere è il fine dell’educazione emozionale. E’ importante tenere presente che la costruzione del benessere comprende la regolazione delle emozioni negative e il rafforzamento di quelle positive.

Fino al 2000 inoltrato le emozioni positive sono state assenti dalla ricerca scientifica. Da quel momento in poi, si hanno dei contributi significativi nell’ambito delle neuroscienze e della psicologia positiva, che sono la base dell’azione educativa. Ecco perché c’è un capitolo su Ispirare la felicità. Fino ad ora, l’educazione alla felicità non è stata ancora considerata. Forse è giunto il momento di farlo. Un’educazione alla felicità, basata sul sapere scientifico, potrebbe essere un’innovazione educativa davvero rivoluzionaria.

La musica ha un grande potere nel suscitare emozioni. E’ curioso notare come fino a poco tempo fa non sia stata sviluppata una ricerca sulla relazione tra la musica e l’emozione. Con l’intenzione di avanzare in questa direzione, proponiamo un capitolo su musica, emozione e motivazione, con la presentazione di un’esperienza interdisciplinare che speriamo possa servire da modello ed esempio per esperienze simili nelle scuole primarie e secondarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *